7DAYS EuroCup, finisce a Parigi la corsa della Reyer, sconfitta 87-66 dal Boulogne Metropolitans

Parziali: 19-13; 40-30; 67-40

Boulogne: Moulare 5, Cummings 12, Hornsby 14, Konate 8, Halilovic 10, Sy 6, Ho-You-Fat ne, Hunter 14, Ginat 8, McRae 10, Yomi. All. Collet.
Umana Reyer: Stone 5, Bramos 9, Tonut 8, De Nicolao 9, Echodas 2, Morgan 8, Mazzola 9, Brooks 5, Theodore ne, Cerella, Watt 11. All. De Raffaele.

Finisce in Francia la stagione europea dell’Umana Reyer: il Boulogne Metropolitans fa valere fattore campo e favori del pronostico, accedendo ai quarti di 7Days Eurocup grazie al rotondo 87-66 finale.

Con Vitali e Daye rimasti a casa, Theodore è in panchina per onor di firma, mentre rientra capitan Bramos, schierato in quintetto con De Nicolao, Stone, Brooks e Watt, che sblocca il punteggio con una schiacciata in contropiede dopo aver recuperato palla in difesa. Con la tripla di Stone, un altro canestro di Watt e soprattutto una grande difesa, al 2’30” è 0-7. Appena si sbloccano i francesi riescono però a impattare a quota 7 in appena 1’30”, poi le triple di Watt e De Nicolao riscavano sul 9-13 al 5’30”. Il primo fallo del match è di Bramos e arriva quasi dopo 6′, con l’Umana Reyer che però rientra male dal time out televisivo, non segnando più, abbassando troppo il ritmo e concedendo troppi rimbalzi offensivi, così al primo intervallo è 19-13.

Il break di Boulogne arriva fino a 15-0 per il 24-13 all’11’30”, poi Mazzola torna a muovere il punteggio orogranata dopo oltre 6′ con la tripla del 24-16 al 12′. La difesa di casa, però, continua a mettere in difficoltà l’attacco dell’Umana Reyer, costretta ad affidarsi spesso a triple o tiri da fuori. La schiacciata di Watt su assist di De Nicolao al 13’30” (25-18) è una delle rare occasioni in cui gli orogranata riescono a far breccia in area, tant’è che al 16′ è 34-19. Ci vuole una tripla di Bramos, dopo rimbalzo offensivo di Brooks, per ripartire, poi Stone e i primi 3 punti di Tonut valgono il 38-27 al 18’30” e, nell’ultimo minuto, la schiacciata di Brooks su assist di Bramos dopo rimbalzo offensivo di Stone e il libero finale di Echodas mandano le squadre negli spogliatoi sul 40-30.

Il secondo tempo si apre con il buzzer beater di Watt del 40-32 e, dopo 4 di Cummings, la tripla di Bramos porta il match sul 44-35 al 21’30”. Sarà però l’ultimo ritardo sotto la doppia cifra per gli orogranata, perché Boulogne accelera e, a fronte di un canestro di Brooks, arrivano 8 punti francesi per il 52-37 al 23′. Bramos mette una tripla al 24’30” (52-40), ma la difesa dei padroni di casa continua a mettere in difficoltà l’Umana Reyer, che si vede anche strappare parecchi palloni, con un break di 15-0 in meno di 5’30”, durante i quali arriva anche il quinto fallo di Watt, con l’incontro già virtualmente chiuso dopo soli tre quarti sul 67-40.

Negli ultimi 10′ della sua stagione europea, l’Umana Reyer onora l’impegno, provando a limare il ritardo con una tripla di De Nicolao e tre canestri di Morgan (74-49 al 34′) in un match in cui ovviamente l’intensità dei francesi non è la stessa dei primi tre quarti, pur continuando Boulogne ad attaccare con continuità. A metà periodo, di nuovo De Nicolao da 3 per il 76-52, poi Morgan (78-54 al 35’30”) anche se il ritardo non viene sostanzialmente contenuto dagli orogranata. Al 37′ la tripla di Tonut “riavvicina” l’Umana Reyer sull’80-58, al 38’30” quella di Mazzola sull’82-61 e solo al 39′ Tonut riesce a portare il distacco sotto i 20 punti (82-63). Il massimo riavvicinamento, nell’ultimo minuto arriva con un’altra tripla di Mazzola (84-66), poi finisce 87-66.

Comunicato e tabellini a cura di Ufficio Stampa Reyer.

Commenta
(Visited 29 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.