7DAYS EuroCup, la Virtus batte il Lietkabelis 75-67 e va ai quarti di finale

Virtus Segafredo Bologna vs Lietkabelis Panevezys 75-67
(Q1 18 – 14; Q2 39 – 34; Q3 56 – 52)

Virtus Segafredo Bologna: Tessitori, Mannion, Belinelli 8, Pajola, Alibegovic, Hervey 5, Jaiteh 20, Shengelia 7, Hackett 6, Sampson 11, Weems 13, Teodosic 5
Coach: Scariolo

Lietkabelis Panevezys: Vaiciunas, Radicevic 12, Kalaitzakis 8, Giedraitis, Lipkevicius 8, Maldunas 10, Zemaitis 5, Berzins, Orelik 12, Giedraitis 5, Gagic 7
Coach: Canak

Arbitri: ROBERT LOTTERMOSER, TOMASZ TRAWICKI, MAXIME BOUBERT.

Iniziano i playoff di EuroCup per la Virtus Segafredo Bologna attesa, in questo mercoledì di Coppa, dall’ottavo di finale con i lituani del Lietkabelis Panevezys. Dopo una partenza con il freno a mano tirato, la V Nera fa circolare bene la palla in attacco, piazza il break del controsorpasso e con Weems e Jaiteh si porta sul +8 dopo 5′ dalla palla a due (16-8). La squadra di Coach Canak prova ad impensierire la Virtus sfruttando le conclusioni dall’arco ma Sampson sfrutta l’assist nel pitturato per la schiacciata vincente, le maglie bianconere si chiudono in difesa e concedono solo il tentativo disperato da metà campo proprio sulla sirena di Lipkevicius che riporta a -4 gli avversari. Primi 10′ di gioco si chiudono sul punteggio di 18 a 14.

Sampson apre i giochi nel secondo quarto, Hervey ben servito da Pajola segna e Belinelli dalla lunetta fa 3/3, Virtus che prova a mettere il primo strappo nel primo tempo portandosi sul +10 (28-18), in area la Segafredo concede davvero poco ma nonostante ciò Orelik e compagni riescono a limare un po’ di svantaggio toccando il -5 a 3′ dall’intervallo lungo (30-25). Secondo quarto teso, si segna poco e si lotta su ogni possesso, Lietkabelis tocca il -1 prima che Jaiteh possa chiudere il gioco da tre punti e Weems sfrutti al meglio la rimessa che permette alla Virtus Segafredo di tornare avanti di sei lunghezze, squadra lituana che prova a risponde sul finire di quarto prima che Teodosic metta gli ultimi punti del primo tempo, sirena e squadre a riposo sul punteggio di 39 a 34.

Partenza aggressiva dei bianconeri che piazzano subito il 9 a 0 di parziale che vale il +12, Jaiteh continua ad essere immarcabile sotto i tabelloni mentre il clima in campo si scalda, la posta in palio è alta e i fischi arbitrali aumentano con il passare del tempo, dopo 5′ abbondanti dalla ripresa del gioco la Virtus conduce con il punteggio di 50 a 41. Gli avversari rientrano dallo svantaggio e toccano il -5 prima che Weems stoppi tutto segnando dalla media, il Lietkabelis continua a punire la difesa virtussina rimanendo a contatto della Segafredo per tutto il terzo quarto. Nel finale Hervey chiude il gioco da tre punti e dopo 30′ di gioco il parziale è di  56 a 52.

Tripla lituana in apertura di quarto a cui risponde Belinelli per due volte consecutive che vale il nuovo +5, Sampson lotta nel pitturato e la meglio sulla difesa avversaria, Orelik però trova altri tre punti che riportano a -3 i suoi compagni di squadra prima che Jaiteh segni il canestro del momentaneo 64 a 59 a meno di 5′ dal termine. Shengelia sfrutta i liberi a disposizione, Weems segna facendo esplodere la Segafredo Arena e portando avanti di nove lunghezze la Virtus, ma la partita è tutt’altro che finita, la formula di questi playoff non permette un attimo di distrazione e quando mancano meno di 3′ tutto è ancora in discussione. 2/2 di Lipkevicius a cui risponde Hackett (1/2), difesa bolognese che regge e lancia la contromossa che vale la schiacciata di Jaiteh del +9 a 1′ e 26” dalla quarta e ultima sirena (71-62). Lietkabelis non molla ma neanche la Segafredo indietreggia di un centimetro: Hackett dalla lunetta e poi Jaiteh firmano i canestri della sicurezza. Vince la Virtus 75-67 e va ai quarti di finale.

Comunicato e tabellini a cura di Ufficio Stampa Virtus Segafredo Bologna.

Commenta
(Visited 16 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.