Olimpia Milano, Messina: "Il nostro obiettivo è crescere nella serie e stasera siamo andati meglio che in Gara1"

Così Coach Ettore Messina ha commentato Gara 2 dei quarti di finale dei playoff: “L’obiettivo in ogni serie è crescere di partita in partita e stasera l’abbiamo fatto, tutti hanno dato un contributo e questo ci ha permesso di distribuire i minuti tra tutti. Credo sia stata una gara migliore rispetto alla prima. Abbiamo giocato con un equilibrio incoraggiante. Adesso, andiamo a Bologna e proviamo a chiudere subito la serie, sapendo che non sarà facile perché loro sono una squadra di grande carattere e vorranno vendere cara la pelle”.

Sull’innesto di Jerian Grant: “Non so se sia definitivo, perché può dipendere da tante cose. Certamente, se Datome continua a giocare a questi livelli possiamo permetterci di avere un giocatore come lui come può darci qualcosa in penetrazione, come è stato oggi. Devo dire che in questa seconda parte di stagione Grant, quando ha giocato, l’ha sempre fatto bene. Può sbagliare un tiro o perdere un pallone, ma aggressività ed energia fisica non mancano mai”.

Sul momento di Datome e Shields: “Gigi ha avuto una stagione con tanti intoppi, ma tutte le volte che ha avuto la possibilità di andare in campo ha fatto bene. Ovviamente, il suo è un tiro importante. Shields ha avuto un infortunio gravissimo e solo adesso si sta ritrovando”.

Sulla stagione di Andrea Cinciarini: “E’ stata una stagione meravigliosa, lo prova la fiducia che gli sta dando un allenatore esigente come Attilio Caja. Se uno come lui non se ne priva praticamente mai significa tanto. Non dico nulla di originale, è stato fantastico e credo che lo dimostrerà ancora in Gara 3”.

Comunicato e dichiarazioni a cura di Ufficio Stampa Olimpia Milano.

Commenta
(Visited 25 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.