Olimpia al big match contro la Virtus con sette assenze, Fioretti: "Faremo di tutto per giocare una buona partita"

Terminata la regular season di EuroLeague con la conquista del terzo posto (con lo stesso record della seconda classificata), l’Olimpia si tuffa momentaneamente nelle battaglie di campionato: la attende la trasferta di Bologna, poi due gare consecutive in casa, contro Cremona e Napoli, per poi tornare a dividersi con la competizione europea quando cominceranno i playoff. Virtus-Olimpia mette di fronte prima contro seconda in classifica, l’attacco più produttivo (Bologna è prima per valutazione, punti, assist e tiri da due) contro la difesa più solida (Milano è prima nelle stesse graduatorie, al contrario). L’Olimpia ha anche il miglior plus/minus del torneo. Andando oltre, tutte e due le squadre sono imbattute in casa, sono 1-1 nei precedenti stagionali, hanno vinto un trofeo a testa, la Virtus ha conquistato la Supercoppa e l’Olimpia ha vinto la Coppa Italia. Negli ultimi due anni hanno vinto tutti i cinque trofei assegnati in Italia, tre li ha conquistati Milano e due Bologna. Purtroppo, l’Olimpia giunge a questa sfida con un roster fortemente rimaneggiato, come già successo nella gara di EuroLeague comunque vinta a Villeurbanne: tra casi di Covid e indisponibilità saranno assenti sette giocatori, ovvero Sergio Rodriguez, Shavon Shields, Trey Kell, Troy Daniels, Dinos Mitoglou, Paul Biligha e Gigi Datome. Un peso enorme soprattutto contro una squadra che lamenterà invece l’assenza di Marco Belinelli. E’ anche vero che nella gara di andata l’Olimpia aveva sostanzialmente gli stessi assenti, con Delaney che prende il posto di Rodriguez più Pippo Ricci al posto di Biligha e Tommy Baldasso. Shields, Mitoglou, Datome e Daniels non c’erano nemmeno nella gara di andata.

NOTE – Si gioca domenica 10 aprile, a Bologna, diretta su Eurosport 2 e Discovery Plus. Palla a due alle 17:30.

LA VIRTUS BOLOGNA – La Virtus, che ha appena terminato la regular season di Eurocup al quarto posto, è stata ricostruita nel corso della stagione. Ad esempio, rispetto alla finale di Supercoppa di settembre ha aggiunto Isaia Cordinier, JaKarr Sampson, Daniel Hackett e Tornike Shengelia sottraendo Ty-Shon Alexander. Hackett nelle quattro gare giocate finora ha 13.5 punti e 5.5 rimbalzi di media, sta anche tirando con il 50.0% da tre. Normalmente, in quintetto accanto a lui continua a partire Alessandro Pajola (5.4 punti e 4.1 assist per gara), mentre l’ala piccola è sempre Kyle Weems, uomo da 15.0 punti per gara, 4.6 rimbalzi, il 57.8% da due e il 50.0% da tre. Milos Teodosic può essere l’alternativa a Pajola: in 24 minuti sul campo produce 10.1 punti e 6.7 assist per gara con il 39.2% da tre. Cordinier è un altro realizzatore dalla panchina, 9.4 punti con 3.8 rimbalzi e il 60.5% da due. Marco Belinelli, assente nelle ultime gare inclusa quella di Eurocup a Bourg, segna 14.5 punti per partita con 4.9 tiri liberi tentati di media e il 31.2% da tre su oltre sei tentativi. Niccolò Mannion produce 7.8 punti con 4.3 assist per gara. Nel settore lunghi, Tornike Shengelia nelle tre gare giocate ha segnato 13.0 punti con 6.0 rimbalzi in 26 minuti da ala forte. Kevin Hervey, l’altra ala grande, 11.8 punti e 5.8 rimbalzi di media, è pericoloso anche come tiratore (38.8% da tre). Mouhammadou Jaiteh è un centro da 11.1 punti e 7.4 rimbalzi con il 62.9% da due. Come cambi può avere sia Shengelia che Amedeo Tessitori (4.3 punti, 3.4 rimbalzi a partita). Infine, ci sono anche Michele Ruzzier come playmaker e Marco Ceron da esterno a completare il gruppo di italiani.

COACH MARIO FIORETTI –Giochiamo contro quella che è stata per tutto l’anno la miglior squadra offensiva del campionato e che nelle ultime settimane ha anche aggiunto due elementi di livello assoluto. Noi non siamo in una situazione facile, perché stiamo vivendo la seconda ondata di Covid della stagione, avremo tantissimi assenti, ma come abbiamo fatto a Villeurbanne appena due giorni, faremo di tutto per giocare un’altra buona partita”.

GLI ARBITRI – Carmelo Paternicò, Manuel Mazzino, Guido Giovannetti.

I PRECEDENTI VS. VIRTUS BOLOGNA – Virtus Bologna contro Olimpia Milano è una delle grandi classiche del basket italiano. Si tratta delle due squadre che hanno vinto più scudetti, 28 l’Olimpia e 16 la Virtus. I precedenti dicono 105-78 per l’Olimpia, 99-72 contando solo il campionato. A Milano, il bilancio è 68-22 per l’Olimpia ma ci sono state anche due gare in campo neutro, quarti di finale di Coppa Italia, a Torino nel 2012, vittoria dell’Olimpia, e a Firenze nel 2019, sempre quarti di finale, con vittoria della Virtus. Sia nel 2020 che nel 2021 le due squadre si sono affrontate nella finale di Supercoppa con una vittoria per parte: tecnicamente sono state gare in territorio neutro, ma in realtà si è giocato ambedue le volte a Bologna. A Bologna siamo 54-36 per la Virtus. In tutto nei playoffs, le due formazioni si sono affrontate 27 volte, bilancio 15-12 a favore della Virtus. È 5-3 Virtus invece nelle singole serie. In questa stagione, l’Olimpia ha vinto a gennaio la gara di andata dopo un tempo supplementare 102-99 con 20 punti di Jerian Grant, 18 di Devon Hall, 16 e nove assist di Sergio Rodriguez. Nella Virtus ci furono 34 punti di Marco Belinelli e 18 e 10 assist di Milos Teodosic.

LA VIRTUS CONNECTION – Giampaolo Ricci ha giocato due anni alla Virtus Bologna vincendo lo scudetto del 2021. Awudu Abass (infortunato) ha giocato due anni a Milano, dal 2017 al 2019 vincendo lo scudetto del 2018 e due volte la Supercoppa. Daniel Hackett ha giocato a Milano due stagioni vincendo lo scudetto del 2014. Milos Teodosic ha giocato al CSKA Mosca allenato da Ettore Messina. Tra i suoi compagni di squadra c’è stato anche Kyle Hines. Marco Belinelli è stato allenato da Messina – come assistente – ai San Antonio Spurs e – come capo allenatore – in Nazionale. Ettore Messina ha allenato nelle giovanili della Virtus fin dalla stagione 1983/84 quando era anche assistente di Alberto Bucci e come tale vinse lo scudetto battendo in finale proprio l’Olimpia. È diventato capo allenatore nella stagione 1989/90 rimanendovi fino alla stagione 1992/93 compresa, salvo tornarvi nel 1997 e rimanervi ancora fino al 2002. In queste due parentesi ha vinto due volte l’Eurolega (1998 e 2001), una volta la Coppa delle Coppe (1990), tre volte lo scudetto (1993, 1998 e 2001), tre volte la Coppa Italia. L’allenatore della Virtus Bologna, Sergio Scariolo, ha allenato l’Olimpia nel biennio 2011-2013. Come allenatore della Nazionale spagnola ha guidato Sergio Rodriguez.

 

Comunicato a cura di: Ufficio Stampa Olimpia Milano

Commenta
(Visited 52 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.