Pesaro-Treviso, Amadori contro l'arbitraggio: "Meritiamo e pretendiamo rispetto"

“Alla Vitrifrigo Arena il match della 25^ giornata di Serie A va alla De’ Longhi Treviso per 89-97. La Carpegna Prosciutto Basket Pesaro – oggi priva di Justin Robinson positivo al Covid – resta a quota 18 in classifica. […]

In sala stampa il direttore sportivo Stefano Cioppi ha detto: “Il coach non è qui perché era molto deluso dal trattamento ricevuto dagli arbitri nel finale di partita e ciò gli ha anche causato un piccolo malessere. Quindi ha indicato me per venire qui a spiegare cos’è successo in occasione dell’ultimo fallo tecnico sanzionato a meno di un minuto dalla fine sul -6; dopo il timeout siamo stati richiamati perché avremmo impiegato troppo tempo per rientrare sul parquet. L’arbitro ha chiesto in quale metà del campo volesse la rimessa. Jasmin ha risposto ‘secondo te dove voglio la rimessa?’, l’arbitro ha richiesto ‘in quale delle due fasi vuoi avere la rimessa?’, il coach ha risposto ‘in fase offensiva’, l’arbitro ha risposto ‘grazie’ e Repesa ha replicato con un ‘prego’ ricevendo il secondo tecnico. Si tratta di un atto di assoluta mancanza di rispetto nei confronti di qualsiasi tesserato e un atto di prepotenza da parte di chi conduce la partita e tanto più verso un allenatore che non offende mai nessuno. Io posso testimoniarlo essendo con lui da mesi. Il coach mi ha chiesto di sottolineare che tipo di trattamento abbiamo ricevuto”.

Il Presidente del Consorzio Pesaro Basket Luciano Amadori ha affermato: “Stavolta a differenza del solito mi presento in sala stampa perché è necessario: una società con oltre 70 anni di storia merita e pretende rispetto. Il giorno successivo agli ultimi 2-3 match giocati abbiamo sempre ricevuto le scuse da parte di chi di dovere per gli arbitraggi ricevuti. L’errore ci sta, fa parte del gioco. Una partita ben arbitrata è un match in cui l’arbitro non si vede: stasera invece si sono visti solo gli arbitri; noi faremo ciò che è necessario ma si tratta di una cosa incresciosa e destabilizzante soprattutto da parte di un arbitro in particolare. Non è ammissibile, è scorretto e inaccettabile che un arbitro si giri verso il pubblico sfidando gli accreditati al palazzo, mi dispiace per tutti i nostri tifosi, faremo di tutto per essere tutelati com’è giusto che sia ma è ora di smetterla perché stasera si è davvero superato il limite”.

CARPEGNA PROSCIUTTO BASKET PESARO – DE’ LONGHI TREVISO 89-97 (30-28; 51-50; 67-76)

CARPEGNA PROSCIUTTO BASKET PESARO: Drell 7, Massenat 14, Filloy 4, Cain 14, Tambone 7, Mujakovic ne, Eboua 11, Serpilli ne, Filipovity 7, Zanotti, Delfino 25 Coach: Repesa

DE’ LONGHI TREVISO: Logan 19, Russell 15, Vildera 6, Bartoli ne, Imbrò 10, Piccin, Chillo, Mekowulu 12, Sokolowski 23, Akele 6, Lockett 6 Coach: Menetti

Arbitri: Lanzarini, Paglialunga, Pierantozzi”.

Fonte: Ufficio Stampa Carpegna Prosciutto Basket Pesaro

Commenta
(Visited 31 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.