Scafati è super, Forlì ko 79-60. Finelli: "Grande soddisfazione, complimenti ai ragazzi"

Grande prova per la Givova Scafati che, al PalaMangano, si è aggiudicata il big match di giornata della Serie A2 Girone Rosso, abbattendo la Pallacanestro Forlì per 79-60. Una partita in discussione solo nel primo quarto, con i campani a scappar via già nella seconda frazione, chiusa sul 45-30; Scafati gestisce bene la situazione nel secondo tempo e porta a casa due punti che permettono l’aggancio a quota 26 (pur se con una partita in più) proprio ai danni di Forlì, con la vetta più vicina, vista la sconfitta interna di Napoli (28) contro Ravenna.

Così nel post partita coach Alessandro Finelli: “C’è grande soddisfazione, devo fare i complimenti ai miei giocatori perché la partita difensiva è stata eccellente: lasciare Forlì a 60 punti con una costanza e continuità impressionante nei quattro quarti dà fiducia, autostima e credibilità in quello che stiamo costruendo e ci servirà per la seconda parte di stagione. Tutti si sono fatti trovare pronti. Forlì veniva invece da una settimana di stop per rischio covid-19 e le piccole problematiche avute in corso di gara hanno senza dubbio influito, ma questo è lo sport e le difficoltà capitano a tutti: anche noi all’andata a Forlì abbiamo dovuto fare a meno dell’infortunato Cucci e non avevamo in rosa Palumbo e Dincic. Da questa sfida mi porto via l’ottimo approccio difensivo e l’atteggiamento che questo gruppo di giocatori sta costruendo. Abbiamo una squadra competitiva e degli obiettivi importanti che ci aspettano. In tal senso, la gara di stasera fornisce fiducia, autostima in vista dei prossimi impegni in programma, a cui guardiamo con grande ottimismo“.

 

Dichiarazioni a cura di Antonio Pollioso, Ufficio Stampa Basket Scafati 1969.

Commenta
(Visited 17 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.