Tortona è più lucida nel finale ed espugna il parquet di Sassari 83-87

Dopo le due sconfitte consecutive contro l’Olimpia Milano, tornano a gioire i piemontesi con una vittoria in trasferta. Ritmi altissimi al PalaSerradimigni, dopo un inizio fatto di palle perse Robinson (17 punti, 4 rimbalzi e 3 assist) dà inizio alle danze, a cui Tortona partecipa con gli specialisti dall’arco Sanders (23 punti con 7 triple) e Severini (14 punti, 4 rimbalzi, 2 stoppate e 2 recuperi); i piemontesi provano a scappare, ma il lituano Bendzius mette cinque punti consecutivi tenendo i suoi dietro di un solo possesso. Negli ultimi 10′ Wright (15 punti, 7 rimbalzi e 7 assist) e Cain (11 punti e 7 rimbalzi) ingaggiano un duello con Bilan (10 punti e 5 rimbalzi) – al suo ritorno col Banco di Sardegna – e Logan ed il primo quarto si chiude sul 19-23 ospite. Continua a marce elevate la sfida, ma dopo le triple firmate Devecchi per Sassari e Filloy (10 punti) per la Bertram, le due compagini faticano a trovare con continuità la via del canestro; una bomba di Mascolo (7 punti e 4 assist), seguita da un canestro in contropiede di Filloy sono le armi con cui gli ospiti provano a scappare, venendo ripresi però in pochi istanti da quelli segnati da Robinson e Kruslin. L’ingresso in campo di Sanders e Wright cambia completamente volto agli ultimi istanti del primo tempo: i due giocatori di Tortona mettono tre triple consecutive regalando il massimo vantaggio ai piemontesi (37-49); cinque punti consecutivi di Gentile (10 punti, 6 rimbalzi e 6 assist) mandano le due squadre all’intervallo sul 42-49.
L’inizio del secondo tempo è tutto a tinte bianco arancio-nere: Macura con due canestri pesanti porta i suoi sul +14 costringendo coach Bucchi a chiamare un time-out; il solito duo composto da Robinson e Bendzius (29 punti, 7 rimbalzi e 5/8 da tre) si carica in spalle le difficoltà della squadra e firmano un parziale di 8-0 costringendo l’altro fronte a prendere contromisure per non farsi scappare di mano la partita. Nei restanti 120” del terzo quarto le squadre si rispondono colpo su colpo, il Banco di Sardegna riesce a rosicchiare altri punti arrivando alla mezz’ora sotto di solo quattro lunghezze (65-69).

I primi minuti dell’ultimo quarto sono uno spettacolo con Sanders e Bendzius a colpire i rispettivi avversari da oltre l’arco: sono proprio le tre triple consecutive del lituano a consegnare ai sardi il primo vantaggio della partita sul 77-75. I padroni di casa provano ad allungare, vengono però ripresi nel punteggio ancora da una tripla di Severini e da un appoggio a canestro di Wright; le due rivali rimangono attaccate fino a 40” dalla fine, quando Cain prima mette due tiri dalla lunetta poi difende egregiamente dentro la propria area. A completare l’opera ci pensa Sanders con altri due tiri liberi portando a casa la vittoria per 83-87.

Sito Ufficiale Lega Basket

Commenta
(Visited 63 times, 1 visits today)

About The Author