Virtus Bologna-Treviso 97-68, Djordjevic: "Reazione? Assolutamente sì"

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA – DE LONGHI TREVISO: 97-68
(Q1 27 – 15; Q2 51 – 32; Q3 75 – 52)

VIRTUS: Deri 2; Belinelli 13; Pajola 6; Alibegovic 6; Ricci 11; Adams 8; Hunter 13; Weems 6; Nikolic 2; Teodosic; Gamble 16; Abass 12.
Coach: Djordjevic

TREVISO: Logan 11; Russell 10; Vildera 4; Bartoli; Imbrò 12; Piccin 1: Chillo 8; Mekowulu 6; Sokolowski 8; Akele 6; Lockett 2.
Coach: Menetti

Arbitri: Attard, Borgioni, Belfiore.

La Virtus torna alla vittoria, e mette in cassaforte il terzo posto in campionato. Le dure parole di Djordjevic dopo Milano hanno portato i frutti sperati. Il recupero contro Treviso è stato infatti facilissimo, di sicuro per grandi meriti bianconeri. 97 punti segnati,  137 di valutazione, cinque in doppia cifra con doppia doppia per Ricci (11+11), ottima regia di Pajola (9 assist).
La Segafredo parte forte, soprattutto con Gamble, che dopo 7’ è già in doppia cifra banchettando contro Mekowulu. Ottimo anche Abass, Pajola fa girare benissimo la squadra, e al primo stop il punteggio è 27-15.
Si continua senza alcun problema, con il vantaggio che arriva rapidamente al +20. Da notare cinque punti consecutivi di Pajola, di cui due con pregevolissima finta. 51-32 a metà.
Il terzo quarto è di Marco Belinelli, che si accende e porta i suoi oltre il +30 (71-40). La partita è abbondantemente finita, tanto che Menetti preserva Logan e mette il baby Piccin, classe 2002. L’ultimo quarto scorre veloce, senza particolari problemi, con anche spazio per Deri e Nikolic fino alla sirena finale: 97-68.

Le parole di Coach Djordjevic a fine gara: Reazione? Assolutamente sì. Da quando sono arrivato il mio ombrellone è grandissimo, io li ho messi tutti sotto, tante volte non parlando di cose sulle quali i giocatori mi hanno sentito in spogliatoio. Però ogni tanto ci vuole. Perchè per vincere in guerra non basta la bella uniforme e gli stivali lucidi, bisogna portare tutte le armi che hai e allora sì, combatti per vincere. Quello che ci si aspetta sempre è questo. E’ una bella reazione, una bella vittoria e una conferma di quello che stiamo facendo. Anche dal punto di vista fisico stiamo rispondendo bene. Oggi forse è stata la miglior partita di Pajola con idee chiare, comunicazione e personalità che sta ritrovando dopo essere stato tre mesi fuori. Ci vogliono queste partite per far crescere e capire dove si può arrivare. Stiamo per recuperare Markovic, probabilmente in una settimana, che come leader difensivo ci darà una grossa mano. Abbiamo fatto riposare Teodosic e fino a un certo punto anche Belinelli, che ha fatto una bella prestazione. Due bei punti, aspettiamo l’ultima partita per finire la stagione e vediamo.”

Le parole di Awudu Abass a fine partita: “Purtroppo non abbiamo passato un bel periodo, è stato un momento difficile. Ma la squadra si vede nei momenti duri, nei momenti “bassi” della stagione. E’ stata una stagione strana, col Covid; ma abbiamo dimostrato che siamo una grande squadra, che siamo uniti. Nelle partite dove dovevamo mettere fisicità, dove dovevamo vincere, l’abbiamo fatto. Poi succede, ogni tanto si cade e dobbiamo rialzarci. Ora abbiamo tantissimo tempo per cercare di preparare Trento e poi i playoff. Per noi è un’ottima cosa, così possiamo arrivare ai playoff belli pimpanti.“.

Fonte: ufficio stampa Virtus Bologna

Commenta
(Visited 23 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.