La Germani continua a sognare e infligge a Milano il terzo ko stagionale in LBA

Si allunga a undici la striscia di successi consecutivi in LBA della Germani Brescia, ma questa volta il successo vale anche più dei due punti in classifica. Gli uomini di Magro si impongono infatti sulla capolista Olimpia Milano nel derby lombardo del 23° turno, infliggendo così agli uomini di Messina il terzo ko stagionale in Italia.

Parte senza alcun timore dell’avversario la Germani che con un ispirato Mitrou-Long scappa subito sull’8-2, Milano reagisce sorpassando con Rodriguez ma una tripla di Gabriel chiude il primo quarto con gli uomini di Magro avanti sul 17-15.

Nelle prime battute del secondo periodo arriva la spallata dei padroni di casa: Moore e Petrucelli scrivono 28-19 Brescia, Della Valle in lunetta firma la doppia cifra di margine, Cobbins inchioda il +12. L’Olimpia si affida a Hall e Hines per non affondare, ma si va all’intervallo lungo sul 41-31.

Melli riporta gli uomini di Messina a -6 ma la Germani non si spaventa e con Della Valle e Mitrou-Long ristabilisce le distanze, nel finale di terzo periodo però una nuova fiammata degli ospiti con Hall e Delaney vale comunque il 64-58.

Datome realizza subito il -4, Mitrou-Long e Gabriel rispondono con le triple del +10, Delaney e Mitoglou tengono in vita i vicecampioni d’Italia ma è Della Valle a far esplodere il pubblico del Palaleonessa con il canestro da lontanissimo del +11. Delaney è l’ultimo ad arrendersi ma gli uomini di Magro rispondono a colpo su colpo e per l’Olimpia non c’è più tempo per provare la rimonta: termina 82-74.

TABELLINI

GERMANI BRESCIA: Gabriel 11, Moore 6, Mitrou-Long 22, Petrucelli 14, Della Valle 21, Eboua ne, Cobbins 4, Biatcha ne, Burns, Laquintana 4, Rodella ne, Moss. Coach Magro.

AX ARMANI EXCHANGE OLIMPIA MILANO: Melli 7, Rodriguez 10, Ricci 2, Biligha, Hall 11, Delaney 11, Mitoglou 8, Baldasso 1, Shields 8, Alviti, Hines 7, Datome 9. Coach Messina.

Commenta
(Visited 56 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.