Cus Jonico Taranto, i coach Carone e Mineo: “Niente drammi”

“Eravamo convinti dei nostri mezzi e lo rimaniamo”. Il CJ Basket Taranto riparte da queste parole dell’assistant coach Claudio Carone tornando in palestra per preparare il match di domenica prossima, al Palafiom contro Bisceglie che chiuderà la prima fase del campionato di serie B prima della breve sosta e della seconda fase. Niente drammi in casa rossoblu dopo la prima sconfitta stagionale che ha messo fine ad una striscia vincente record di 12 vittorie consecutive da inizio regular season. Lucida e dettagliata l’analisi del tecnico tarantino del ko in casa della Viola: “Quando ci sono delle sconfitte ci sono diversi aspetti da considerare e fattori che concorrono al ko. Innanzitutto l’atteggiamento e l’impatto con la partita che con la Viola non c’è stato come nelle altre gare. Reggio Calabria ha i suoi meriti: hanno aiutato spesso su Matrone, abbiamo subito i contatti, abbiamo attaccato male i loro cambi in difesa. Non si può pensare di vincere in trasferta tirando 2/19 da tre. È altrettanto vero che avevamo preparato delle soluzioni nel piano partita che per un verso o per l’altro non ci sono riuscite, molte cose non hanno funzionato ma questo non deve cancellare quanto fin qui, restiamo fiduciosi”.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’altro assistente di coach Olive, Stefano Mineo: “Prima sconfitta stagionale con grande rammarico, dobbiamo dare atto a Reggio Calabria che ha fatto una partita importante, sostanziosa, con 40 minuti di grande intensità. Non sono andate bene alcune cose, non siamo riusciti a imporre quanto fatto nelle precedenti 12 partite. Importante però sottolineare il cammino fatto finora che resta così come la certezza che in palestra ripartiremo proprio da questo piccolo incidente di percorso facendo sì che questo scivolone resti come insegnamento nella nostra crescita, individuale e di squadra”.

Commenta
(Visited 25 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.