Guerriero Padova a un tiro dalla promozione, Oderzo rinvia tutto a gara-3

L’urlo di gioia del Guerriero Padova resta strozzato in gola. S’infrange sul ferro il sogno promozione dell’UBP, battuta di un’incollatura sul rovente campo di Oderzo in gara-2 delle finali playoff di Serie C Gold. A una manciata di secondi dall’ultima sirena, il tiro di Maran, che avrebbe significato Serie B, viene respinto incredibilmente dal canestro, rimandando tutto alla “bella” di domenica prossima (ore 18) al PalaSavio di Mortise.

Gara-2 ha ricalcato uno spartito simile a quella del primo confronto, contrassegnato dall’equilibrio e dal basso punteggio, ma è stata condizionata anche dai troppi errori al tiro, derivati soprattutto da tensione e nervosismo. L’avvio complicato dell’UBP, che fatica a trovare il fondo della retina venendo poi fulminata da Masocco (8-2), rispecchia la dinamica dell’intero incontro. Oderzo non è da meno e non riesce ad approfittare sbagliando parecchio da sotto (8-4). Masocco regge il peso di tutto l’attacco opitergino segnando dall’arco anche il suo undicesimo punto dei suoi 13 complessivi (11-5). Sul fronte opposto ci pensa invece Andreani a replicare con la stessa moneta (11-8) e con due tiri dalla media che riportano il Guerriero a contatto sul finire del primo quarto (13-12).

Anche nella seconda decade, i padroni di casa fanno l’andatura (17-12) entrando tra le maglie della difesa a zona di coach Volpato (21-14). Con gli spazi intasati nel pitturato, dove i lunghi del Guerriero vengono sistematicamente raddoppiati o triplicati, Andreani e Maran devono sfruttare l’uno contro uno per rimettere in careggiata l’Unione (21-19). È un match intenso, ma molto contratto, complici anche percentuali al tiro irrisorie (23-22).

La ripresa comincia bene, grazie alla tripla del sorpasso di Andreani (23-25), ma il pallino del gioco continua a spostarsi da una parte e dall’altra (29-25). Padova resta in scia con un’altra bomba da distanza siderale del “mago” Andreani (29-28) per poi condurre ancora le danze con un “fallo e vale” dopo una schiacciata perentoria di Coppo in contropiede (29-31). Il punto a punto prosegue senza soluzione di continuità (40-40) fino allo scadere del terzo periodo (44-42).

Nell’abbrivio dell’ultima frazione, l’UBP subisce l’atletismo di Ndiaye, commettendo anche una serie di disattenzioni che costano carissimo (49-42). Poser innesca la fuga opitergina (51-42), ma è ancora Andreani a rimettere in moto l’attacco padovano (51-45). Nonostante una tripla di tabella trasformata da Coppo (53-48), l’inerzia pende dalla parte dei trevigiani (53-45). Tuttavia, l’esito della sfida è tutt’altro che deciso: nell’ultimo giro di lancette, Coppo fa 1/2 da fermo e sul suo secondo libero interviene Campiello in tap in (55-54). Dall’altra parte, Bonesso fallisce la tripla che avrebbe chiuso ogni discorso. L’ultimissimo pallone finisce quindi in mano a Maran, ma il suo tiro nel cuore dell’area viene sputato fuori dal canestro e il susseguente tentativo, sempre in tap in, di Campiello non va a buon fine (55-54).

CALORFLEX ODERZO – GUERRIERO PADOVA 55-54

ODERZO BASKET: Masocco 13, Cagnoni 2, Bonesso 8, Poser 4, Alberti 7, Nardin 4, Ndiaye 11, Razzi 6, Vita Sadi, Ongaro n.e., Bandiera n.e., Artuso. All. Lorenzon.

UNIONE BASKET PADOVA: Stavla, Vinciguerra n.e., Favaro n.e., Andreani 20, Maran 3, Coppo 11, Bombardieri 2, Benfatto 4, Andreaus 3, Bruzzese, Meneghin, Campiello 11. All. Volpato. Ass. Augusti.

Arbitri: Langaro di Arzignano (Vi) e Corrias di Cordovado (Pn).

Note: parziali: 13-12, 10-10 (23-22), 21-20 (44-42), 11-12 (55-54). Tiri liberi: Oderzo 9/23, Padova 19/24. Fallo tecnico: Bruzzese (22’) e Maran (24’). Fallo antisportivo: Bruzzese (36’). Espulso: Bruzzese (36’).

Commenta
(Visited 80 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.