Ravenna manda al tappeto Ferrara dopo un'ottima rimonta nel sentitissimo derby

RAVENNA – Derby infuocato si preannunciava e derby infuocato è stato. Per molti motivi. Non soltanto per la partita in sé ma per la genesi che ha avuto. Tutto era nato quando Ferrara, in preda al Covid, aveva chiesto a Ravenna di rimandare la gara ottenendone un rifiuto. In un primo momento, quindi, Ravenna aveva ottenuto la vittoria a tavolino per 20-0. Ferrara presentò ricorso e lo vinse, da qui la necessità di ridisputare la partita. Che ora, sul campo, ha sorriso ai padroni di casa al termine di una sfida dai due volti. Gli estensi, infatti, avevano posto nei primi due quarti le premesse per portarla a casa, poi, dal terzo quarto, Ravenna ha avuto un piglio differente e dapprima ha ritrovato la parità e poi si è alzata in quota sospinta soprattutto da Cinciarini, Givens (in doppia doppia per punti e rimbalzi), Denegri e Rebec. Un’ottima affermazione per la compagine di coach Massimo Cancellieri, Ferrara paga un po’ di nervosismo testimoniato dall’uscita per cinque falli alla fine sia di Panni sia di Vencato e l’ingenuità nel non sapere gestire il vantaggio di otto punti accumulato nei primi venti minuti di gara nonostante la buona vena realizzativa consueta dell’ex Treviglio Pacher.

PRIMO QUARTO – Ferrara si alza subito in quota. Baldassarre allunga il fossato con un tiro libero: 0-3. Givens pesca Simioni che da sottocanestro comincia a muovere il tabellone anche sul versante ravennate. Hasbrouck, però, rimette subito Ferrara a più quattro con la prima tripla della gara. Givens, dall’angolo, rimette Ravenna a meno uno. Vencato serve Baldassarre che va a canestro da sotto e si guadagna anche il libero aggiuntivo mandandolo a bersaglio. Dopo quattro minuti di gioco Ferrara è avanti di cinque lunghezze: 9-4. Antisportivo di Filoni nei confronti di Rebec, anche coach Spiro Leka si prende il tecnico. Ravenna può così’ beneficiare di tre tiri dalla lunetta: Rebec li piazza tutti nel secchiello e i padroni di casa si riportano a meno due. Filoni commette il secondo fallo personale spintonando Rebec. Le due compagini continuano a lottare punto a punto, l’atmosfera caliente del derby si fa sentire. Vencato serve Fantoni sottocanestro e quest’ultimo affonda la lama. Simioni riporta sotto Ravenna: 9-11 quando mancano quattro minuti al termine del primo quarto. Baldasssarre sospinge gli estensi a più quattro. Panni, con una tripla, ribadisce il concetto e Ferrara si porta sul 16-9 a due minuti e mezzo da fine quarto. La manovra ravennate sembra più macchinosa, più fluida quella degli ospiti. Cinciarini si procura due tiri liberi per un fallo subito e ne mette uno su due. Pacher è fermato dallo stesso Cinciarini fallosamente e va alla linea della carità: Ferrara si porta così sul 18-10. Ravenna si riporta subito sotto ma Ferrara va di nuovo in lunetta, stavolta per fallo di Givens su Pacher. L’ex Bcc Treviglio li imbuca entrambi e gli estensi riprendono ad andare in mare aperto: 12-20. Denegri, con una tripla, riporta i padroni di casa a meno cinque, Pacher risponde subito con la stessa moneta. E’ un momento di grande prolificità realizzativa per entrambe le compagini: Pacher e Rebec danno vita a un duplice botta e risposta. Il ravennate si prende però anche il libero supplementare e si porta a nove punti personali. Ferrara conclude il primo quarto avanti per 26-21. Gara di buona levatura con le due compagini che non si lasciano scappare vicendevolmente. All’alta intensità agonistica si accompagna una discreta prolificità realizzativa su ambo i fronti. Particolarmente elevata la percentuale dai tiri dall’arco per gli estensi con quattro su cinque a bersaglio.

SECONDO QUARTO – Fantoni ha la meglio su Venuto e Ferrara allarga le incollature di vantaggio: 28-21. Pacher si porta a quota dodici punti e gli estensi vanno sul parziale di 4-0 dal riavvio delle ostilità. Fallo di Pacher su Cinciarini e quest’ultimo finisce in lunetta, come nel primo caso ne fa uno su due. Fantoni, servito sottocanestro da Zampini, riaffonda la lama per Ferrara che entra in doppia cifra di vantaggio: 32-22 al terzo minuto di gioco. Cancellieri chiama il timeout per rimettere a posto qualche aspetto della manovra vedendo gli avversari estensi in momento di particolare ispirazione realizzativa. Oxilia rimette Ravenna a meno otto con i primi due punti della sua gara ma Vencato riafferma il più dieci ferrarese. Ancora Oxilia porta a quattro il suo score parziale: 26-34 al 5′. Baldassarre risospinge Ferrara a più dieci dalla lunetta. Givens riporta Ravenna alla riscossa appena rientrato dalla panchina regalandosi anche la realizzazione del libero supplementare. Rebec, subito fallo da Filoni, va in gita alla linea della carità e ne piazza uno su due: 30-36 a circa quattro minuti e mezzo dal termine del quarto. Vencato mette Panni in condizione di sfoderare una tripla dall’angolo. Simioni prova a riportare Ravenna in scia infilando un libero su due. Ferrara non permette ai padroni di casa di riavvicinarsi e ricecchina con Fantoni a cui risponde subito Givens: 34-41 a due minuti dall’intervallo lungo. Ancora Fantoni mette a segno il quarto punto consecutivo tenendo gli ospiti in quota. Vencato, dalla lunetta, riporta Ferrara a più dieci: 44-34 a 34 secondi dal termine della prima parte di gara. Cinciarini va in profondità e riprofana il canestro estense prendendosi anche il libero aggiuntivo e completando il gioco da tre: 36-44 e Leka chiama il timeout. Fantoni , con un tiro libero, manda Ferrara sul più otto con tre secondi da giocare e portando coach Massimo Cancellieri a spendere il timeout ravennate. Ferrara arriva all’intervallo lungo tenendo in mano le redini della gara sul 45-37.

TERZO QUARTO – Ravenna mette in cassaforte i primi due punti del quarto con Chiumenti,47-4 Pacher schiaccia e replica in un amen. Rebec sbaglia il tiro da tre, riprende Chiumenti che mette a segno il suo quarto punto di fila. Givens si porta a dieci punti ma soprattutto sospinge Ravenna, entrata con passo diverso, a meno quattro: 43-47 al 3′. Chiumenti ha le mani calde e riprende a mettere fieno in cascina. Ravenna è a meno due in pericoloso riavvicinamento per gli estensi con Spiro Leka che chiama il timeout. Vencato risveglia un po’ Ferrara rispingendola a meno quattro. Rebec risponde però subito, Chiumenti, servito da Rebec, azzera il vantaggio estense con una schiacciata e porta la situazione in parità a quota 49. Incappa però nel quarto fallo e Cancellieri lo tira fuori dalla mischia per risparmiarlo in vista dei minuti successivi della gara. Rebec cerca una soluzione impossibile dalla lunghissima distanza fallendo l’obiettivo, Pacher, a rimbalzo, riporta Ferrara avanti di un possesso. Fantoni, sottocanestro, riporta gli estensi a più quattro. La gara permane molto combattuta con un maggiore equilibrio rispetto al primo tempo. Oxilia rimette i ravennati a meno due: 51-53 a circa tre minuti dal termine del quarto, poi concede il bis portandosi a otto punti e rimettendo la sfida sui binari della parità a quota 53. La tripla di Cinciarini porta i padroni di casa al primo sorpasso della gara. Hasbrouck, su opposto fronte, stecca la tripla del possibile nuovo pareggio. Cancellieri si prende un fallo tecnico, Panni mette a segno il tiro libero dei ferraresi e si regala il settimo punto. Baldassarre mette un altro tiro libero su due e Ferrara è a meno uno: 56-55 a un minuto e mezzo dalla fine del quarto. Palla persa da Hasbrouck, Givens con un gancio porta Ravenna a più due. Venuto si prende l’antisportivo per una manata a Zampini che effettua due tiri liberi e ne segna uno soltanto. Ravenna è avanti al penultimo quarto per 58-56 e ha rimesso in gioco una partita che, nei primi due quarti, sembrava avere preso decisamente la direzione degli estensi.

ULTIMO QUARTO – Ferrara si riporta in parità con Fantoni. Cinciarini ha la meglio su Hasbrouck e rimette Ravenna avanti di due incollature: 60-58. Tripla di Denegri e Ravenna si alza ulteriormente in quota a più cinque. Gancio di Zampini su assist di Vencato e Ferrara si riscatta. Cincarini riporta Ravenna a più cinque: 65-60. Pacher, però, sfodera una tripla portando il suo score a 19 punti e Ferrara a meno due .Partita molto concitata dall’esito estremamente incerto. Cinciarini fa proseguire alla sfida l’andamento a fisarmonica e i padroni di casa sono a più quattro: 67-63 a metà quarto. Panni, con una tripla, risospinge Ferrara a meno uno e Cancellieri chiama il timeout. Venuto mette a referto i primi tre punti della sua gara, Panni, però, ricama la seconda tripla di fila e quarta della sua gara e porta di nuovo gli estensi a una sola lunghezza. Simioni, con due tiri liberi dalla lunetta, tiene avanti i ravennati: 72-69 a tre minuti e mezzo dal termine della gara. Vencato consente a Ferrara di rintuzzare l’ennesimo tentativo di fuga dei padroni di casa e guadagna anche un tiro libero supplementare. Lo sbaglia e gli estensi restano a meno uno. Rebec, con una tripla, ritraccia il fossato per Ravenna. Ferrara va in lunetta con Pacher e, grazie alla sua precisione, si riporta a meno due. Oxilia manda Ravenna a più quattro raggiungendo la doppia cifra ovvero dieci punti in cassaforte. Fantoni va in lunetta per un fallo subito da Givens, ne mette soltanto uno su due: 77-74. Cinciarini, con due liberi, mette tra Ravenna e Ferrara le dita di una mano. Leka chiama il timeout. Gancio di Hasbrouck e gli estensi tornano a un possesso di ritardo. Una tripla di Cinciarini manda Ravenna a più sei. Panni rimette Ferrara a meno quattro, Ferrara cerca di riprenderla ma Vencato si vede fischiare un doppio palleggio a quattordici secondi dal termine. Denegri, dalla lunetta, ne fa uno su due e Ferrara chiama il timeout. Due liberi di Pacher e gli estensi si riportano a meno tre. E’ stavolta Ravenna a chiedere il timeout a nove secondi dall’ultima sirena.in vantaggio per 83-80. Panni commette il quinto fallo e deve lasciare la compagnia. Denegri va in gita in lunetta e ne realizza due su due: 85-80. Zampini, dalla linea della carità, fallisce. Vencato esce per quinto fallo. Ancora Denegri segna all’ultima sirena e mette la ciliegina sulla torta con il libero aggiuntivo. Ravenna vince per 88-82.

TABELLINO

ORASI RAVENNA: Cinciarini 21, Rebec 15, Givens 12, Denegri 12, Oxilia 10, Chiumenti 8, Simioni 7, Venuto 3, Maspero. N.e: Buscaroli, Guidi, Vavoli. Coach: Massimo Cancellieri.

Tiri liberi: 19 su 27, rimbalzi 37 (Givens 15), assist 15 (Rebec 6).

TOP SECRET FERRARA: Pacher 23, Fantoni 16, Panni 15, Baldasssarre 11, Hasbrouck 7, Vencato 5, Zampini 5, Filoni, Dellosto, Ugolini, Basso, Petrolati. Coach: Spiro Leka.

Tiri liberi: 20 su 28, rimbalzi 28 (Fantoni 9), assist 19 (Vencato 8).

ARBITRI

Marco Rudellat di Nuovo, Mattia Eugenio Martellosio di Buccinasco (MI) e Lorenzo Grazia di Bergamo.

Commenta
(Visited 17 times, 1 visits today)

About The Author

Cristiano Comelli Sono nato a Milano il 12 gennaio 1970 e mi occupo di giornalismo da circa vent'anni sia di cronaca sia di sport. Ho cominciato con il quotidiano locale "La Prealpina" scrivendo di calcio e ciclismo, poi, sempre per il calcio, ho avviato una collaborazione con il quotidiano "Il Giorno" che dura tuttora. MIisono poi avvicinato al mondo del basket attraverso le collaborazioni con alcune testate on line ed eccomi qua, pronto a vivere la magia del basket insieme con gli amici di Tuttobasket.