Tokyo 2020, Torneo 3x3 femminile: una vittoria (15-14 vs Mongolia) e un ko (16-19 vs Francia) per l’Italia

Una vittoria (15-14 alla Mongolia) e una sconfitta (16-19 con la Francia) è il bilancio dello storico esordio della Nazionale 3×3 femminile ai Giochi Olimpici di Tokyo.

 

Le Azzurre di coach Andrea Capobianco hanno iniziato la giornata di gare nel pomeriggio battendo una Mongolia piuttosto coriacea e superando l’emozione di un debutto che poteva giocare brutti scherzi in un finale di match dove le asiatiche hanno avuto anche l’occasione di vincere. Così non è stato, e gli 8 punti di Rae D’Alie hanno fruttato un successo fondamentale in vista della qualificazione alla fase a eliminazione diretta (vi accedono solo 6 formazioni su 8).

 

Contro la Francia, le Azzurre hanno sfoderato una prestazione davvero molto convincente per i primi 7 minuti del match, comandando le operazioni nel punteggio e contenendo la grande fisicità delle transalpine. Fatali gli ultimi minuti del match, quando il grande talento delle avversarie ha ribaltato il risultato lasciando però l’amaro in bocca alle ragazze. Top scorer Azzurra, ancora con 8 punti, Rae Lin D’Alie.

 

Andrea Capobianco: “Torniamo a casa con due punti e con il rammarico per i tre minuti finali del secondo match, in cui non siamo stati presenti. Peccato perché le ragazze, cui devo fare un plauso, avevano iniziato molto bene. Domani dovremo giocare ripartendo dai 7 minuti iniziali contro la Francia e ci divertiremo di sicuro”.

 

Rae Lin D’Alie: “Quando siamo decise e giochiamo con intelligenza e cuore possiamo affrontare qualsiasi squadra. La cosa positiva che prendo da questa giornata è la capacità di adattamento che abbiamo avuto in così poco tempo. Dove dobbiamo migliorare? Dobbiamo essere più dure mentalmente nei momenti di sofferenza per trovare risorse aggiuntive”.

 

Chiara Consolini: “La Francia punta ad una Medaglia e lo sapevamo. Col grande approccio alla partita che abbiamo avuto, abbiamo dimostrato che possiamo competere con tutti ed è esattamente quello che vogliamo fare a partire già da domani”.

 

Nel pomeriggio visite d’eccezione all’Aomi Urban Sports Park. La First Lady USA Jill Biden e il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron hanno assistito al match tra Stati Uniti e Francia, vinto dalle prime 17-10. Ad assistere alla gara delle Azzurre contro la Francia c’era Andreas Zagklis, Segretario Generale FIBA.

 

Prima di lasciare l’impianto, Macron si è detto sorpreso dalla velocità e dalla spettacolarità del 3×3, disciplina entrata a far parte dei Giochi Olimpici proprio da questa edizione.

 

I tabellini

 

Italia-Mongolia 15-14
Italia: D’Alie 8, Consolini 3, Filippi 2, Rulli 2

Mongolia: Munkhsaikhan 3, Enkhtaivan 4, Onolbaatar, Bayasgalan 7

 

Italia-Francia 16-19
Italia: D’Alie 8, Consolini 2, Filippi 1, Rulli 5

Francia: Paget 3, Filip 6, Guapo 6, Toure 4

 

Le Azzurre torneranno in campo domenica 25 luglio contro la Romania (ore 3.40 in Italia, ore 10.40 giapponesi) e la Cina (ore 7.25 in Italia, ore 14.25 giapponesi).

In giornata le romene, che si sono qualificate per Tokyo tramite Ranking FIBA, hanno perso nettamente contro Cina e Giappone. Le cinesi sono state sconfitte dalla squadra del Comitato Olimpico russo. A loro ci lega un dolce ricordo: al Mondiale 2018 le Azzurre le superarono in semifinale col canestro dall’arco di Filippi a chiudere l’overtime.

 

La formula del torneo olimpico

Il torneo è composto da 8 squadre. Cina, Mongolia, Romania e Russian Olympic Committee si sono qualificate tramite ranking FIBA 3×3 (la somma dei punti dei primi 100 giocatori/giocatrici compone il ranking di una Federazione) mentre Stati Uniti, Francia, Giappone e Italia si sono qualificate attraverso i tornei preolimpici.

La formula prevede che le squadre si sfidino l’un l’altra in un unico girone. Le prime due classificate avanzano direttamente alle semifinali mentre le formazioni dalla terza alla sesta posizione giocano i quarti di finale. Settima e ottava classificate sono eliminate. Le gare per le Medaglie si giocano tutte mercoledì 28 luglio.

Commenta
(Visited 27 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.