Il Bologna Basket 2016 batte Ragusa (74-66) e mantiene la testa della classifica

Tabellino

Parziali BB2016-Ragusa: 13-19; 31-33; 54-55.

Bologna Basket 2016: Myers 18; Bianco; Felici 6; Beretta 8; Fontecchio (K) 9; Conti 22; Guerri 2; Fin 2; Graziani; Soviero 7; Costantini ne; Besozzi ne. All. Rota.

Virtus Kleb Ragusa: Mastroianni 10; Kitsing ne; Iurato 2; Ianelli 16; Salafia 5; Idrissou; Sorrentino (K) 14; Chessari 6; Stefanini 13; Ugochukwu; Canzonieri. All. Bocchino.

Si presentava come una partita complicata la prima del girone di ritorno di serie B tra Bologna Basket 2016 e Virtus Kleb Ragusa e partita complicata è stata. Al Palasavena di San Lazzaro si è assistito a una vera e propria battaglia combattuta punto a punto tra i bolognesi e i siciliani e conclusa solo nei minuti finali con la vittoria dei padroni di casa, più freschi fisicamente e capaci di rimanere concentrati fino alla sirena. L’agonismo e le difese arcigne hanno caratterizzato un incontro a basso punteggio, in controtendenza con lo spirito dei rossoblu, primo attacco del girone B1. Ma i ragusani sono riusciti per lungo tempo ad imbrigliare gli schemi offensivi del BB2016, costringendo i felsinei a sporcarsi le mani per mantenere il contatto e poi sorpassare gli avversari in dirittura d’arrivo.

Vittoria dunque di grinta e di nervi, offuscata purtroppo dall’infortunio a una caviglia occorso a Jacopo Soviero a pochi minuti dalla fine in un contatto fortuito col coach avversario. Il giovane giocatore rossoblu è uscito trasportato a braccia dal campo e solo oggi si saprà qualcosa sulla gravità dell’incidente.

Le cifre parlano di un BB2016 con un insolitamente basso 39% dal campo, ma che ha prevalso nel rapporto palle recuperate/palle perse (10 a 10 contro le 5 a 16 dei siciliani). Due i nocchieri che hanno condotto in porto il veliero bolognese; nel primo tempo Joel Myers, capace di un 4/6 da 3 e autore alla fine di 18 punti; nella seconda parte di gara Alberto Conti, che con 22 punti col 60% dal campo e numerosi viaggi in lunetta ha dato la svolta decisiva al match. A corrente alternata invece gli altri, cui va però il merito di non aver mai mollato anche con lo svantaggio quasi in doppia cifra.

La cronaca. Partenza equilibrata con Fontecchio a dettare i ritmi, ma Mastroianni e Sorrentino replicano, mentre gli ospiti tengono l’attacco del BB2016 a soli 13 punti. Nella seconda frazione la musica non cambia e al 5′ i padroni di casa vanno addirittura sotto di 9. Ci pensano allora Fontecchio, Myers (con 5 punti), Beretta e Felici a riportare il BB2016 a contatto. All’intervallo la bomba di Joel riduce il gap a soli 2 punti. Al rientro in campo i bolognesi, sollecitati dalle parole di coach Rota, paiono trasformati e piazzano un parziale di 8-1 con due tiri pesanti di Conti. Ragusa non ci sta, torna sotto con Ianelli in grande spolvero (16 punti alla fine) e mantiene il match sul filo dell’incertezza. A 10 minuti dal termine tutto è ancora da giocare.

Il BB2016 ha un momento di pausa a inizio quarto e al 7′ si ritrova sotto di 4. Rota protesta per il gioco maschio in campo e prende tecnico. I bolognesi trovano però la forza di reagire da grande squadra. Beretta segna su assist di Fontecchio, Soviero fa 2/2 dalla lunetta per un antisportivo e Conti comincia il suo show. Ancora Beretta schiaccia su assist di Soviero, poi stoppa e recupera palla. Il play reggiano si fa male ed è costretto a uscire, ma gli ospiti cominciano a sentire la fatica e perdono lucidità, mentre Conti imperversa, subisce falli e infila liberi. Infine Fontecchio devia il pallone decisivo e lancia Conti, fermato ancora con un antisportivo: sono i titoli di coda.

Il prossimo weekend si torna a sud con la sfida domenica 31 gennaio alle 18 sull’insidioso campo di Torrenova.

Comunicato a cura di Luca Regazzi, Ufficio Stampa BB 2016.

Commenta
(Visited 53 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.