La Virtus riparte con il piede giusto, superata agevolmente Valencia

Virtus Segafredo Bologna – Valencia Basket: 89 – 59
(1q 24 – 8; 2q 42 – 25; 3q 66-42)

Virtus Segafredo Bologna: Cordinier 15, Mannion 9, Belinelli n.e, Pajola 6,Bako 4, Jaiteh 4, Lundberg 14, Hackett, Mickey 16, Weems 7, Ojeleye 14, Teodosic
All: Scariolo

Valencia Basket Club: Harper 7, Claver 1, Puerto Guait 6, Prepelic 7, Pradilla 4, Webb III 3, Lopez-Aroste 7, Jones JR 10, Van Rossom 2, Redebaugh, Alexander 5, Rivero 5
All: Mumbru

Nell’ottava giornata di Eurolega la Virtus Segafredo incontra Valencia, una delle squadre più in forma di questa parte di competizione.

L’aggressività con cui la Segafredo inizia il match è di alto livello, con un immediato parziale di 8-2 fatto di diverse conclusioni dall’arco, fondamentale a cui i bianconeri fanno affidamento in questa prima parte di gara. Valencia cerca di essere presente a rimbalzo, soprattutto offensivo, ma trova poche volte la via del canestro trovando molto difficile attaccare la difesa schierata della Segafredo. Due invenzioni di Teodosic permettono di ampliare il vantaggio e chiudere un parziale molto preciso in attacco sul 24-8. Il secondo quarto si apre con una tripla di Pajola dopo un ottimo giro palla della Segafredo, con Valencia che trova il canestro solo dopo 4 minuti sbloccando il digiuno. Il vantaggio della Segafredo raggiunge il 35-11 a metà secondo parziale, fatto di difese ferree e obbligando Valencia a prendere tiri difficili e fuori equilibrio, con una ottima rotazione sui tiratori portando Valencia a tirare con il 9.1% da tre. La Segafredo continua a creare gioco e chiude il parziale avanti: 42-25.

La ripresa della partita, dopo l’intervallo lungo, si apre con il canestro di Jaiteh che sfrutta un ottimo posizionamento in post basso. Le due triple di Ojeleye costringono Valencia al time out, per provare ad arginare il gioco della Virtus, che con i ribaltamenti rapidissimi di fronte mette costantemente in difficoltà la difesa ospite incapace di ruotare sulle spaziature dei bianconeri sino a qui con il 47% al tiro frutto di 8/17. Valencia si aggrappa alla propria precisione ai liberi (75%) e alle folate offensive di Jones Jr (10 per lui) per tentare una rimonta piuttosto complicata. Anche il terzo parziale va in archivio sul punteggio di 66-42. E’ con il 2/2 ai liberi di Harper che si apre l’ultimo quarto. La Virtus però non si scompone e Lundberg trova due volte il canestro per un totale di 5 punti consecutivi portando il suo bottino personale a 14 punti. Per Valencia Kyle trova il fondo dalla retina dalla lunga distanza, unico insieme a Puerto, a trovare il canestro dal campo e non a gioco fermo. Sul 82-52 la Virtus trova il massimo vantaggio da inizio partita con gli ultimi scampoli di partita in cui si deve solamente gestire il garbage time rimanente fino al risultato finale di 89-59.

Comunicato a cura di: Ufficio Stampa Virtus Segafredo Bologna

Commenta
(Visited 28 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.