Oleggio Magic Basket, sfida a casa della Pielle Livorno

Primi km da macinare per gli Squali e la direzione è tutt’altro che una “passeggiata”. Per la terza giornata di campionato l’Oleggio Magic Basket è di scena in Toscana ospite della Pielle Livorno, neopromossa ma assolutamente esperta. Appuntamento alle 21 di domani, 16 ottobre, al PalaModigliani. Tra le fila avversarie l’ex Squalo Giovanni Lenti e un po’ di novaresità con coach Michele Belletti in qualità di vice.

A lanciare la carica è lo Squalo toscano Andrea Del Debbio: «Prima trasferta lunga in un campo tutt’altro che facile, contro una squadra molto esperta e ben attrezzata e con una tifoseria molto calda e presente. La Pielle, – spiega l’atleta – dopo le prime due partite è a zero punti, ma così come sono in fondo sarebbero potuti essere in cima alla classifica con a punteggio pieno, dato che hanno perso entrambe le prime due partite di campionato all’ultimo tiro. Sappiamo quali sono i loro punti di forza ma sappiamo anche che hanno alcune debolezze che dovremo essere bravi a far emergere a vantaggio nostro. Sicuramente dovremo presentarci a Livorno per fare una partita “sporca” e piena di agonismo. Noi veniamo da una vittoria casalinga e da una buona settimana di allenamenti in cui siamo riusciti a essere al completo, a vedere cose nuove e migliorare le nostre caratteristiche di squadra che dovranno contraddistinguerci durante tutta la stagione».

Lucchese doc, per l’ala piccola una sfida davvero vicino a casa: «Si va a giocare nelle mie zone, non posso negare di sentire questa partita, dal punto di vista emotivo e di voglia, poiché da toscano giocare contro la Pielle è sempre molto stimolante. Forza Squali!».

Commenta
(Visited 44 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.