Virtus Bologna, Teodosic: "Belinelli? Grande acquisto per tutto il basket europeo"

Nella serata di domani, ospitando gli sloveni dell’Olimpia Lubiana, la Virtus Bologna inaugurerà il proprio cammino nelle Top-16 di EuroCup. Inserita nel Gruppo G, quello comprendente anche i montenegrini del Buducnost Podgorica e i francesi del JL Bourg en Bresse, la squadra di coach Djordjevic è reduce da una prima fase perfetta, con 10 vittorie in altrettante partite.

Quando si ha un record del genere, di 10-0, il merito va condiviso con tutti” – ha spiegato Milos Teodosic, intervistato dal sito ufficiale della competizione europea, eurocupbasketball.com – “Quando si arriva in una grande squadra, le aspettative sono sicuramente alte e chi arriva sa che deve dare il massimo e mettersi al servizio della squadra e dei suoi compagni“.

Per Teodosic, la parte più bella di una partita di basket è l’assist: “Quando servo un assist faccio felice due persone, ovvero me e il compagno al quale l’ho servito; all’assist successivo, nel caso, farò felice un altro mio compagno di squadra. Non cambio la mia opinione, l’assist è per me il momento più bello“.

La stella serba parla anche di Marco Belinelli, aggiunta extra-lusso dell’ultima fase di mercato della Virtus: “Rappresenta certamente un grande acquisto, non solo per la nostra squadra, ma per tutto il movimento europeo. Le qualità del Beli sono indiscutibili. Abbiamo appena iniziato a giocare insieme. Direi che dobbiate aspettare ancora un pochino, poi vedrete cosa saremo capaci di fare assieme“.

Virtus ed EuroLeague: “È chiaramente un obiettivo, che viene raggiunto passo dopo passo, lavorando giorno dopo giorno. La società, lo staff e la squadra lavorano insieme ogni giorno per riportare la Virtus in EuroLeague“.

Commenta
(Visited 54 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.